MONDO km0italia

È sicuramente vero che fare del bene fa stare bene, ma anche altri fattori hanno contribuito a rendere così piacevole la cena di beneficenza organizzata dall’Associazione Urbe Nocera, il cui ricavato è stato devoluto all’AISLA (associazione italiana SLA).

La suggestiva Villa di Natale, che con il suo fascino e una meravigliosa vista sul Vesuvio ha ospitato la serata, la voce coinvolgente di Marco Ortenzo che ha trascinato tutti a ballare per ore, la varietà di piatti dai sapori del territorio, sono alcuni degli ingredienti che hanno consentito la riuscita di una ricetta speciale chiamata Solidarietà.

Per l’occasione sono stati serviti i nostri vini del Vesuvio e due primi piatti firmati km0italia: i calamaretti allo scarpariello e i pantaccioni con rucola, scaglie, salsiccia e datterino giallo.

La serata si è conclusa con una mega torta per festeggiare il 5° anniversario dell’Associazione Urbe Nocera insieme ai suoi giovani membri, e con un sorteggio finalizzato alla raccolta fondi che ha visto numerosi premi in palio, tra cui la nostra apprezzatissima “cascetta” ricca di prodotti a marchio km0italia: la pasta, il vino e l’ultima arrivata nella nostra gamma, la confettura di albicocca pellecchiella del Vesuvio.

A immortalare ogni istante di questa piacevolissima serata ci ha pensato Vittorio Marino che con i suoi scatti è riuscito a cogliere il clima di festa che ha caratterizzato l’evento, complici i tanti giovani che erano presenti per trascorrere una serata divertente e, allo stesso tempo, aiutare la ricerca.

 

“Giovani eccellenze del territorio” nulla richiama di più la nostra attenzione, se poi fanno un bel gioco di squadra, e magari vincono anche, non possiamo che tifare per loro.

È così che km0italia ha voluto dare il suo appoggio alla squadra del “Brasile”, come ha scelto di chiamarsi in occasione del torneo di calcio post stagione agonistica più importante di torre annunziata, che si è tenuto al Circolo Oplonti.

Diverse sono state le gare che hanno disputato a partire dal 6 giugno, indossando la maglia azzurra e il nostro logo in bella vista, fino ad arrivare alla tanto attesa finale del 10 luglio. Con il loro entusiasmo sono riusciti a coinvolgere tante persone, venute al Circolo Oplonti per sostenerli con un bel tifo per tutta la durata della partita. La squadra del Brasile ha così dimostrato di meritare il loro appoggio portando a casa la finale con il punteggio di 3-1 sotto gli applausi di tutti.

Anche il momento della premiazione ha visto protagonisti i giovani in azzurro, con:

Michele Guida premiato come Miglior giocatore del torneo,

Fabio Sorrentino, Francesco Liguori, Simone Ammendola come Top Eight Squadra,

Antonio D’aquino come Miglior Portiere.

Bravissimi anche Cristian Fortunato, Salvatore Guida, Gabriele Annunziata e il capitano Pietro Sorrentino che ha fatto un po’ da chioccia a tutto il gruppo.

È stato un piacere dare il nostro contributo alla squadra più giovane e promettente del torneo ed essere stati lì quando, tra il calore dei tifosi, ha alzato la coppa. Presente per l’occasione anche un’altra eccellenza del nostro territorio, Forestiero Parrucchieri, che ci ha affiancati nella sponsorizzazione.

Bravi ragazzi, siamo fieri di voi!

Manca davvero poco al via della trentesima edizione delle Universiadi, di scena a Napoli e in tutta la Campania fino al 14 luglio.

Ad aprire i giochi olimpici degli atleti universitari una cerimonia spettacolare che si svolgerà questa sera allo stadio San Paolo, rinnovato per l’occasione. Una coreografia da show holliwoodiano, con circa 1500 performer (tra professionisti e volontari selezionati), la voce di Andrea Bocelli, giochi di luci e colori, allieteranno gli oltre trentamila spettatori attesi.

Intanto ieri sono iniziate le prime gare di qualificazione, ma è dopo lo show di stasera che si inizierà a fare sul serio; le prime medaglie saranno in palio già a partire da domani.

Diciotto sport, 8mila partecipanti provenienti da 118 Paesi diversi e 220 medaglie assegnate ad altrettanti sportivi, sono questi i numeri della 30esima Universiade, a cui abbiamo voluto dedicare un piatto esclusivo.

La scelta della pasta è ricaduta sulle nostre linguine integrali, con farina di grano duro Saragolla, particolarmente amate dagli sportivi poiché garantiscono un più lento processo di assorbimento dei carboidrati e regalano un maggiore senso di sazietà, oltre a fornire all’organismo un giusto apporto di vitamine, fibre e sali minerali.

Le proponiamo oggi condite con i frutti di mare, in onore della meravigliosa città che ospita i giochi olimpici.

Ingredienti per 4 persone:

500 gr di linguine integrali

1 kg di cozze pulite

1 kg di vongole

1 kg di fasolari

3 spicchi d’aglio

prezzemolo

vino bianco

sale, pepe e olio evo

peperoncino

 

In un tegame con due cucchiai di olio fate rosolare due spicchi d’aglio schiacciati in camicia facendo attenzione che non brucino.

Buttate nel tegame i frutti di mare, sfumate col vino bianco e coprite con il coperchio finché non si saranno aperte; dopodiché sgusciate tutti i frutti di mare e filtrate con un colino il liquido di cottura.

Prendete un terzo dei frutti e passatelo con un frullatore ad immersione aggiungendo a filo il liquido di cottura fino ad ottenere una crema abbastanza lenta, la userete per condire le linguine.

Tritate il prezzemolo.

Cuocete la pasta e mantenetela indietro di cottura; quindi scolatela.

In una padella con un cucchiaio di olio aggiungete i frutti di mare sgusciati.

Versate la pasta, la crema di frutti di mare e condite con prezzemolo e peperoncino (quanto preferite).

Fate saltare la pasta col condimento e servitela calda nei piatti.

Continuano gli eventi della De Ponte Cultural all’insegna dell’arte, della musica e dell’eccellenze del territorio, con cui km0italia non smette di collaborare....
scialatielli agli scampi

Gli scialatielli agli scampi sono un primo piatto a base di pesce molto gustoso e dal sapore prettamente mediterraneo, facile e veloce da preparare.

Per la preparazione di questo piatto di mare si scelgono gli scampi poiché hanno un sapore più caratteristico e dolce rispetto ad altri crostacei, e donano al piatto un gusto più raffinato.

La ricetta si presenta in due varianti, con il pomodorino o in bianco, ma quella che preferiamo e che troviamo più gustosa è la prima; inoltre il formato di pasta che vi consigliamo sono gli scialatielli, particolarmente adatti a trattenere il condimento, ma in alternativa possono essere utilizzati altri formati di pasta lunga, come le linguine e gli spaghetti.

Ingredienti per 4 persone

  • 12 scampi medi
  • 300 g circa di scialatielli km0italia
  • olio evo q.b.
  • 1 spicchio di aglio
  • un bicchierino di vino bianco
  • sale pepe
  • prezzemolo tritato q.b.
  • pomodorini freschi q.b.

Procedimento:

  1. Lavare accuratamente gli scampi e farli sgocciolare in uno scolapasta
  2. Lavare i pomodorini e dividerli a metà
  3. Quando gli scampi saranno ben sgocciolati, sistemarli sul tagliere e praticare un taglio orizzontale sul dorso senza dividerli a metà  (questo piccolo segreto servirà a rendere più saporito il sughetto di pomodori freschi)
  4. In un tegame capiente versare un generoso filo di olio evo, far rosolare leggermente lo spicchio di aglio con un po’ di prezzemolo tritato e unire gli scampi
  5. Far saltare a fuoco vivo  girandoli delicatamente e sfumare con il vino bianco
  6. Far evaporare la parte alcolica e unire i pomodorini
  7. Regolare di sale e pepe, allontanare l’aglio e gli scampi, continuare la cottura del sughetto a fuoco medio per circa 10 minuti e aggiungere qualche cucchiaio di acqua se necessita (meglio se è l’acqua della cottura)
  8. Lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolarla al dente  (mettere da parte qualche mescolo di acqua di cottura) e trasferirla nel tegame con il condimento
  9. Far saltare a fuoco vivo mescolando per meglio amalgamare, se necessita aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta e prima di spegnere unire gli  scampi
  10. Servire gli scialatielli con scampi caldi e fumanti con un po’ di prezzemolo tritato e pepe se graditi.

Quando si parla di pesto viene subito in mente quello classico alla genovese, a base di basilico, ma esistono davvero tante varianti di questo condimento; c’è quello di zucchine, di rucola, di barbabietola, ma l’esistenza di un pesto al finocchietto selvatico è stata davvero una piacevole scoperta.

Condimento ideale per preparare un piatto fresco e delicato, perfetto in ogni occasione, che consigliamo di assaggiare abbinato alle nostre linguine.

 

Ingredienti per la preparazione del pesto di finocchietto:

Finocchietto selvatico – 100 gr.

Mandorle pelate – 80 gr.

Olio extravergine d’oliva – 150 gr.

Sale fino

Pepe nero

Grana Padano DOP da grattugiare – 60 gr.

 

Lavate il finocchietto, tamponatelo con un foglio di carta da cucina e prelevate solo le foglioline eliminando il gambo. Inseritele in un mixer e aggiungete le mandorle pelate, il formaggio grattugiato, un pizzico di sale e di pepe. Infine versate l’olio e frullate il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo, che potrete utilizzare per condire la pasta del formato che preferite (consigliamo una pasta artigianale trafilata al bronzo, caratterizzata da una superficie ruvida e increspata che trattiene meglio il condimento).

 

(Grazie @lericettedeldirettore per la foto del suo piatto)

 

Ci sono piatti della tradizione che non vanno toccati, ma a volte con l’aggiunta di un ingrediente di qualità e il giusto equilibrio dei sapori si ottiene un risultato eccellente.

Ed ecco che un piatto della tradizione culinaria romana come la carbonara assume un gusto nuovo con l’aggiunta del tonno fresco e un sapore unico con la nostra pasta artigianale (le linguine sono perfette per questa ricetta!)

Ringraziamo @lericettedeldirettore per la preparazione di questo piatto e per la ricetta spiegata in tutte le fase di preparazione.

Ingredienti (per 3 persone):

200 gr. di linguine km0italia

1 fetta di tonno fresco o palamita

4 rossi d’uovo

100 gr. di pecorino romano

100 gr. di guanciale di maiale

1 cucchiaio di pepe nero in grani

olio evo

qualche fogliolina di menta

 

Procedimento:

In un wok sufficientemente grande da poterci saltare la pasta, fate rosolare il guanciale tagliato a listarelle e senza l’aggiunta di olio. Una volta cotto lasciate il grasso che ha rilasciato nella padella, mentre il guanciale lo mettete da parte.

Prendete il trancio di tonno, ripulitelo dalle eventuali lische e dalla pelle, tagliatelo a pezzettini, aggiungete un pizzico di pepe e fatelo saltare nella wok per qualche secondo utilizzando l’olio rilasciato dal guanciale.

Mettete da parte il tutto.

Nella stessa wok aggiungete acqua e sale grosso e qualche fogliolina di menta. Portate ad ebollizione e buttate la pasta, fate andare in maniera risottata senza aggiungere acqua, a meno che non si asciughi del tutto (tenetevi da parte qualche cucchiaio di acqua di cottura).

Nel frattempo in una terrina a parte sbattete i rossi d’uovo con il pecorino e sminuzzate i grani di pepe dopo averli tostati.

Quando la pasta è al dente e l’acqua è praticamente quasi del tutto evaporata, spegnete la fiamma, aggiungete tutti gli ingredienti e spadellate velocemente, giusto il tempo di far rapprendere un po’ le uova. Se serve aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura.

Impiattate con una spolverata di pecorino e pepe e… Buon Appetito!

—> Segui @lericettedeldirettore su instagram per conoscere tanti altri piatti deliziosi.

 

Un primo piatto goloso e semplice da preparare; si presta ad essere un perfetto piatto unico, ma la scarpetta nel sugo di gallinella non può mancare.

In un’ampia padella dai bordi alti, rosolate i filetti di gallinella nell’olio extravergine d’oliva, precedentemente insaporito con uno spicchio d’aglio. Sfumate con del vino bianco, quindi aggiungete la passata di pomodoro e insaporite con un pizzico di peperoncino.

Lasciate cuocere per massimo 10 minuti, quindi togliete i filetti e abbassate la fiamma, in modo da procedere con la cottura della salsa a fuoco lento.

Mettete a bollire l’acqua e lessate i paccheri ondulati di km0italia (non una pasta qualsiasi! 🙂 ). Nel frattempo, rimettete i filetti di gallinella nel sugo, aggiustate di sale e aggiungete la pasta scolata al dente.

Lasciate insaporire sul fuoco, rigirando, per “mantecare” il tutto. Servite i paccheri ondulati ben caldi e date un tocco finale col prezzemolo fresco tritato. Buon Appetito e soprattutto Buon Cibo!

Napoli è una città complessa, dai tanti volti, ma la de Ponte Cultural con l’evento “Il volto di Napoli” mostrerà il profilo più bello e autentico di questa città nota in tutto il mondo per le sue eccellenze culturali e gastronomiche.

Quello di giovedì 28 febbraio al MM Lounge Restaurant di Torre del Greco è solo il secondo appuntamento di un interessante progetto di valorizzazione delle risorse del nostro territorio, che noi di km0italia non possiamo che sposare in pieno.

Una cena spettacolo in cui arte, musica e cibo si fondono per dar vita a una piacevolissima serata e mostrare il volto migliore della nostra terra; noi saremo presenti con la nostra pasta artigianale il cui gusto sarà esaltato dalle ricette dello chef Nunzio Spagnuolo.

Contattaci per richiedere il tuo biglietto o acquistalo direttamente sul sito https://www.deponte.it/cultural.

Ti aspettiamo!

Scialare (godere) e tiella (padella) stanno all’origine del nome di uno dei nostri formati più richiesti: gli Scialatielli.

Nati per mano dello chef Enrico Cosentino nel 1978, gli scialatielli si prestano a qualsiasi ricetta, così te ne proponiamo una davvero semplice e veloce, ma soprattutto tanto gustosa.

La dimostrazione che con una pasta di qualità, per preparare un buon piatto non serve essere uno chef!

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di scialatielli;
  • 300 gr di zucchine;
  • 300 gr di gamberi o gamberetti;
  • uno spicchio di aglio;
  • olio evo q.b.
  • prezzemolo fresco;
  • sale e pepe;
  • parmigiano grattugiato.

Procedimento:

In una padella far soffriggere l’aglio nell’olio.

Aggiungere le zucchine tagliate a tocchetti o rondelle e lasciar cuocere a fiamma media, fino a rosolare le zucchine.

Salare, pepare, unire i gamberi e cuocere ancora qualche minuto. Se utilizzate i gamberi surgelati, fateli cuocere in un’altra padella prima di aggiungerli alle zucchine, perché tenderanno a rilasciare molta acqua.

Prima di scolare la pasta, prelevare un mestolo di acqua di cottura. Far saltare la pasta nella padella aggiungendo l’acqua di cottura, il prezzemolo tritato e il parmigiano… et voilà! Buon appetito!